Rhino Correct Correttore Nasale: Come Funziona, Prezzo e Dove Acquistarlo

Ogni anno in Italia più di 26.000 pazienti si sottopongono a un delicato intervento di rinoplastica, per correggere distorsioni come la conformazione sporgente del dorso del naso (il classico “naso aquilino”) o la presenza di ampie cartilagini che lo rendono rotondeggiante (il cosiddetto “naso a patata”). Non solo queste imperfezioni possono essere visti come difetti estetici minanti l’autostima del paziente, ma possono anche arrecare gravi problemi di respirazione.

Tuttavia, non tutti sanno che sottoporsi a un intervento di rinoplastica, oltre che essere molto costoso (con spese superiori ai 5000€), presenta anche il rischio di complicanzepericolose ed effetti collaterali come eccessivi gonfiori ed ecchimosi sulla parte superiore del viso e lividi ed edemi interessanti tutta la zona perioculare.

Adesso, però, un’alternativa c’è, e funziona. Rhino Correct è la novità straordinaria brevettata negli Stati Uniti che permette, per la prima volta, di correggere gli inestetismi del naso senza operazioni e senza bisturi. Semplice, economico ed efficiente, sorprende per il suo costo e la sua straordinaria assenza di effetti collaterali.

Rhino Correct: cos’è e come funziona

Rhino Correct, disponibile in due taglie, è un tutore realizzato in silicone medico, il miglior materiale per il contatto con la pelle, in quanto non solo non causa irritazioni o segni, ma è anche anallergico e sicuro. È composto da cuscinetti regolabili per consentire la massima aderenza del prodotto: essi infatti vanno a comprimere delicatamente la cartilagine, il tessuto malleabile che compone la maggior parte del naso, pressandola delicatamente e quindi assottigliandola e modellandola in base alle proprie esigenze.

Posizionato lungo il dorso del naso, è in grado di restituire le sue naturali proporzioni ed eliminare irregolarità come bozzi o gobbe, valorizzandolo e rendendolo più armonioso. Con la promessa di rimpicciolirlo di circa 1 o 2 millimetri al mese e di mostrare risultati efficaci dopo solo poche settimane di trattamento, necessità soltanto di un’applicazione giornaliera di 30 minuti, inserendosi perfettamente nella routine quotidiana.

L’azione meccanica svolta dal dispositivo è valorizzata dall’impiego dell’ortoelio, un elemento già presente nel nostro organismo, perciò innocuo e rivoluzionario proprio per la sua capacità di agire sul tessuto cartilagineo senza causare dolore.

Il dispositivo è estremamente semplice da utilizzare, e per una resa massima necessita di alcuni accorgimenti: innanzitutto, prima di applicarlo è necessario pulire ed asciugare l’epidermide nasale senza utilizzare oli o creme che possano inficiare la sua applicazione. Dopodiché, si raccomanda di non forzare il tutore ma di indossarlo solo come indicato nel foglietto illustrativo. Allo stesso modo, è consigliato non cercare di usare metodi alternativi per velocizzare l’azione medica del prodotto, in quanto i primi risultati saranno visibili in breve tempo (già dopo 30 giorni). Nonostante questo, le applicazioni di Rhino Correct dovrebbero proseguire in modo continuativo per almeno tre mesi in modo da consolidare i risultati nel tempo. Si raccomanda, infine, di utilizzare il prodotto 3 o 4 volte a settimana, con un giorno di pausa tra le applicazioni in modo da permettere all’ortoelio di stabilizzare i cambiamenti della struttura della cartilagine e contemporaneamente lasciare a riposo la zona.

Rhino Correct: gli effetti incredibili

Grazie a migliaia di ore in laboratorio volte a perfezionare i test clinici che ne hanno portato al brevetto, Rhino Correct è in grado di agire su almeno quattro differenti tipologie di naso: con una base troppo larga, con una conformazione sporgente tendente verso il baso, con una gobba sul proprio profilo e infine con cartilagini che conferiscono la caratteristica forma “a patata”.

Gli effetti positivi di Rhino Correct sono numerosi e variano di persona in persona, secondo le specifiche caratteristiche da correggere. In particolare, il dispositivo agisce alzando la punta del naso, in quanto il processo di invecchiamento causa spesso il cedimento della cartilagine morbida. Inoltre, può assottigliare la cartilagine non solo della punta del naso ma anche delle narici, conferendo al viso un aspetto più simmetrico ed equilibrato. Può ridurre la “gobba” nasale, prima richiesta in Italia per gli interventi di rinoplastica femminile, e le eventuali asimmetrie di grandezza minore presenti sul setto nasale, livellandole e ripristinando la naturale linearità del naso. In generale, ad ogni modo, assottiglia la dimensione del naso agendo direttamente e sensibilmente sulla sua larghezza.

Non provocando irritazioni e allergie, è uno dei pochissimi tutori presenti sul mercato che non produce controindicazioni o effetti collaterali.

Leave a Reply